Non c’è due senza tre: letture di Luglio e Agosto 2020

Eccomi qui a raccontarvi i libri letti nell’ultimo periodo.

D’ora in poi pubblicherò una recensione ogni tre letture: seguitemi in questo nuovo percorso!

SHANTARAM

Autore: Gregory David Roberts
Pagine: 1177
Prezzo cartaceo: 25 euro
Prezzo ebook: 11 euro circa

“Uomo della luce”. Questo significa Shantaram, soprannome attribuito a Greg Roberts, protagonista del romanzo, da un capofamiglia indiano incontrato nel suo viaggio che può definirsi epico.

Ambientato da fine anni Settanta in poi, questa storia vera è narrata in prima persona dallo stesso Greg, diventato eroinomane dopo la separazione dalla moglie e la morte della loro bambina, poi rinchiuso in un carcere australiano di massima sicurezza, fuggitivo in Oriente, soccorritore in un ospedale di fortuna a Bombay, infiltrato per amore nella mafia indiana, combattente di guerre prima in Afghanistan poi in Pakistan.

Lento nella prima metà, ti cattura piano piano fino a lasciarti col fiato sospeso nelle ultime pagine. E’ inoltre il libro giusto per gli amanti delle descrizioni, molto minuziose e particolareggiate, di luoghi, fisicità, combattimenti, emozioni.

Ho fatto “il filo” a questo testo in versione cartacea per mesi e mesi, tergiversando continuamente sull’acquisto a causa del prezzo elevato e anche perché, essendoci in casa molte letture in attesa, sapevo che se lo avessi iniziato non avrei affrontato altri testi oltre a lui per lungo tempo, considerando la sua lunghezza infinita! Personalmente preferisco affrontare un libro alla volta e calarmi del tutto in un’unica storia piuttosto che leggerne molteplici contemporaneamente.

Shantaram mi ha tenuto compagnia durante il lockdown, in ferie sotto l’ombrellone e nelle calde serate di luglio sul mio balconcino, tanto da distruggersi piano piano tra le mie mani! Un libro così grosso risulta un po’ scomodo da mettere in valigia o nello zaino ma la mia voglia di terminarlo è andata oltre ogni minimo pensiero di lasciarlo sul comodino!

Devo ammettere di aver faticato tantissimo a leggerlo, soprattutto nella sua prima metà tanto da essere stata tentata di abbandonarlo. Piano piano però mi sono lasciata coinvolgere senza lasciarmi abbattere dalla valanga di pagine in attesa di essere sfogliate che sembravano ogni giorno aumentare anzi che diminuire.

Shantaram va letto lentamente, un po’ alla volta, senza demordere!

Shantaram

BASSA MAREA

Autore: Enrico Franceschini
Pagine: 336
Prezzo cartaceo: 19 euro
Prezzo ebook: 10 euro circa

E’ in un mattino di primavera che il tratto di mare Adriatico dirimpettaio della riviera romagnola consegna alla battigia un corpo di donna. La rinviene, più morta che viva, il protagonista del romanzo Andrea Muratori, giornalista che ha appena iniziato a godersi la pensione facendo ritorno nel paesino di villeggiatura della sua infanzia: pochi soldi in tasca, un capanno di pescatori come alloggio e, fino a quel momento, in pace con se stesso.

Il “Mura”, così soprannominato dai suoi tre amici sessantenni di una vita, sarà impegnato assieme a loro a risolvere l’enigma che si nasconde nel passato di Sasha, restituita dal mare.

La commedia gialla si ambienta appunto in Romagna, precisamente nel tratto di costa fra Marina di Ravenna e Gabicce, un po’ West Coast e un po’ provincia. 

E’ narrata in terza persona, molto scorrevole.

Dopo l’infinità di Shantaram ed attraversando un periodo un po’ burrascoso, avevo bisogno di una lettura che mi distaccasse completamente dal peso dei pensieri. Un’amica mi è quindi venuta incontro consegnandomi tra le mani questa piccola perla. Grazie Elena!

Riderete, riderete tanto, soprattutto se avete vissuto le vostre estati in riviera o in qualche maniera siete venuti a conoscenza della sua gente, i suoi paesini, ed il suo mare.

Bassa marea

LE COORDINATE DELLA FELICITA’

Autore: Gianluca Gotto
Pagine: 342
Prezzo cartaceo: 18 euro
Prezzo ebook: 10 euro circa

Mi sono scervellata per buttare giù due righe e raccontare la trama di questo libro senza riuscirci. Due parole e “canc” sulla tastiera. Altre due parole, poi “canc”. Così varie volte, prima di giungere ad una conclusione: la trama non c’è.

E’ rimasto nella mia libreria per quasi un anno; dieci giorni fa mi è venuto naturale aprirlo ed esaurirlo in due giorni. Se non avete nulla da fare ci impiegherete anche meno.

Questo racconto non è altro che un percorso, un’esperienza di vita del protagonista del racconto, nonché autore, legata al coraggio di scegliere, sempre, la Vita.

Non riesco a scrivere altro ma riporto una frase del libro che a mio parere racchiude tutta la sua essenza: “A volte devi semplicemente ribellarti e credere in te stesso. Lasciare la confortevole cabina dell’aereo, buttarti nel vuoto e sperare che il tuo paracadute funzioni. Tutti ne abbiamo uno.”

Divoratelo e date anche un’occhiata al blog di Gianluca, www.mangiaviviviaggia.com.

Le coordinate della felicità

Al prossimo articolo!

Rispondi