Pianta Ragno o Clorofito

Nonostante io sia aracnofobica all’ennesima potenza e qualsiasi oggetto che mi ricorda le “simpatiche” zampine di un ragno mi faccia venire la pelle d’oca, non posso non paragonare ad un ragno “botanico” questa deliziosa pianta sempreverde che mi tiene compagnia da circa cinque anni.

 

thumb_IMG_1802_1024

 

INFORMAZIONI GENERALI

Con il termine scientifico Clorophytum definiamo molte specie di piante sempreverdi originarie del Sud Africa. La Clorofito o Pianta Ragno è la più conosciuta nel nostro continente e si presenta come un rigoglioso cespuglio di lunghe e strette foglie verdi con striature bianche, che nel momento in cui ricadono sul terreno fanno somigliare la pianta ad un ragno che cammina.

 

thumb_IMG_1805_1024

 

Nel periodo di massima vegetazione la Pianta Ragno produce fusti da cui si sviluppano piccoli fiori e cespugli aerei che, se toccano terra, possono anch’essi radicare.

 

 

thumb_IMG_1799_1024

 

CURA DELLA PIANTA RAGNO

La Pianta Ragno predilige un’esposizione soleggiata ma possibilmente non a diretto contatto con i raggi solari che rischiano di rovinarne il fogliame.

Durante la stagione calda è quindi opportuno garantire frequenti annaffiature senza lasciare ristagni abbondanti nel sottovaso.

Temendo le temperature molto rigide, durante l’inverno è bene ridurre l’irrigazione e ricoverare la pianta all’interno.

La mia Pianta Ragno rimane all’esterno tutto l’anno, sul davanzale di una finestra che dà su un terrazzo molto protetto; ciò le permette di stare al riparo dagli sbalzi di temperatura sia in estate che in inverno.

Valutate quindi la più idonea sistemazione anche in base alle condizioni di casa vostra!

Attenzione: avendo un apparato radicale molto forte, ricordate che più il vaso è grande più la Clorofito tenderà a sviluppare radici e crescere quindi in dimensioni. Se questo è il vostro obiettivo consiglio perciò di rinvasarla in contenitori più ampi ogni due anni.

 

thumb_IMG_1804_1024

Rispondi