PILEA PEPEROMIOIDES, LA PIANTA DELLE MONETE

I soldi crescono sugli alberi. Ora è possibile, più o meno!
E’ ora di presentarvi questa creatura a mio avviso stupenda: una piccola pianta, fine, elegante e d’arredamento. Sto parlando della Pilea Peperomioides o pianta dalle monete, soprannome che deriva dalla forma rotondeggiante delle sue foglie piatte e color verde acceso.

Pilea

INFORMAZIONI GENERALI

La Pilea vede le sue origini nei paesi tropicali, in particolare Cina e Sud America.
Prima scelta fra le piante d’appartamento dei giovani, si presenta molto “minimal” e regolare nelle sue forme: i fusti possono raggiungere la lunghezza di cinquanta centimetri e terminano in foglie verdeggianti, lucenti e lisce sulla faccia visibile, mentre quella inferiore è più ruvida, opaca e chiara.

Una foresta di fusti


Se ben curata, la Pilea produce piccoli fiori bianchi non troppo vistosi che purtroppo non ho ancora avuto occasione di veder sbocciare sulle mie due piantine.

CURA DELLA PILEA

Riconducibile come gestione alla pianta grassa, la Pilea non necessita di importanti innaffiature, tende anzi a soffrirle se sono eccessive. Se nella stagione estiva fa molto caldo, è invece opportuno aumentare l’apporto d’acqua verificando sempre che il terreno non sia troppo imbibito.


Essendo originaria dei paesi tropicali, predilige temperature fra i quindici e venticinque gradi e tanta luce, mai diretta. La Pilea si rivela quindi ideale pianta d’appartamento.

Il suo apparato radicale è molto sviluppato. Per far crescere la pianta è consigliato perciò cambiare vaso di anno in anno scegliendo un diametro sempre maggiore.

La Pilea si riproduce tendenzialmente facendo radicare in acqua le sue talee. Vedrete rapidamente nascere tanti piccoli “Pileini” (sì, sono psicopatica, li chiamo così) nel vaso. Basta staccarli piano piano dalla pianta madre e attendere che emettano radici una volta messi in acqua, prima di poterli interrare.

Pileino

La Pilea è adatta a qualsiasi tipo di pollice, verde, bianco o nero che sia, grande o piccolo. Rimarrete stupiti dalla semplicità della sua gestione!

Al prossimo articolo!

Rispondi